La battaglia gender a Padova: "Non mi sento più una ragazza ma il preside non ci sta"

La lotta di Giò (nome di fantasia, ndr) parte da un manifesto appeso ai muri del liceo, con indicati i nomi dei candidati rappresentanti d’istituto. Lui ha 16 anni e  ora lotta per togliere da quella parete un nome di donna, Paola, che  non gli appartiene più. Paola (altro nome di fantasia) oggi è  soltanto un’identità sulla carta, perché la vita vera dice un’altra
cosa. Ma per il preside del Tito Livio di Padova, blasonato liceo classico in cui si diplomò anche Giorgio Napolitano, fa fede soltanto l’anagrafe (video pixelato dalla redazione)

LEGGI Studente trans osteggiato, scoppia la protesta al liceo Tito Livio di Padova

Gli altri video di Cronaca locale