Diritti civili, Cathy La Torre: "La politica deve colmare il vuoto di 40 anni senza leggi"

“In Italia siamo al 22esimo posto su 27 Paesi dell'Unione europea e al 35esimo posto su 49esimi nel mondo se si guarda le condizioni di vita di persone gay, lesbiche e trans. Siamo sullo stesso livello dell'Ungheria ed è una vergogna. Non possiamo più attendere”. Così, a margine della presentazione del proprio libro “Ci sono cose più importanti” presso il Teatro Franco Parenti di Milano, l’avvocata e attivista Cathy La Torre, affronta il tema della battaglia sui diritti civili in Italia. Moltissimi ospiti si sono avvicendati nella lettura del libro dell’attivista, affrontando tematiche differenti come la parità di genere, l’adozione, l’aborto, fine vita, Diritti LGBTQAI, diritto di cittadinanza, cannabis, sex work e lovegiver. E sull’affossamento del Ddl Zan, i vincitori di Pechino Express Victoria Cabello e Paride Vitale, hanno affermato: “Lo abbiamo scoperto in Giordania mentre stavamo giocando, eravamo scioccati e molto dispiaciuti. Le conquiste non sono mai facili e ci auguriamo si possa ripartire con persone migliori a rappresentarci”.

Di Edoardo Bianchi

Gli altri video di Politica